mercoledì 13 giugno 2012

un nuovo post


Da giorni mangio poco, direi niente, dormo male e piango tanto...
la vita mi ha riservato una pagina triste e crudele e ora la devo gestire in qualche modo...
una bastonata sul collo che mi ha fatta cadere tramortita e poi mi ha trascinato per le caviglie per chilometri e chilometri... non riesco a rialzarmi!

E io che ho un carattere impossibile e sconosciuto anche a me non mi consento di reagire... Ma devo!
Sì perché, come scriveva Polly oggi, aver dei figli apre l'anima, dà un motivo in più (forse l'unico) e grazie a loro si ritrova l'amore puro...

Davvero non avevo intenzione di scrivere nulla sul blog, cerco il silenzio, la solitudine o qualche vecchio amico. Non potevo lasciare il precedente post come ultimo, non potevo leggerlo ogni volta che aprivo la pagina, no no.
Un nuovo post me lo dovevo. Altrimenti il dolore non passa, la vita non si evolve e il treno si ferma... e noi su questo treno ci siamo, vale sempre la pena guardar fuori dal finestrino e goderci il panorama, qualunque esso sia...


Per fare un uomo ci voglion vent'anni
per fare un bimbo un'ora d'amore
per una vita migliaia di ore
per il dolore è abbastanza un minuto
per il dolore è abbastanza un minuto. 


(Nomadi)

11 commenti:

  1. Sono preoccupata e mi batte il cuore anche se non ti conosco. Solo questo riesco a dirti... ed in questo caso spero tanto di aver frainteso le tue parole.
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  2. Nessuna paura, ho perso una persona cara e il dolore pare insopportabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco! Qualcuno poco tempo fa ha preso la decisione di scendere giù dal treno e capita spesso che lo sogni di notte...

      Elimina
  3. Quando una persona che amiamo se ne va, si porta con se un pezzetto del nostro cuore, però penso che nessuno se ne vada mai per sempre...continua a vivere nel ricordo di chi lo ha amato e che mai lo dimenticherà. Ho perso il mio papà da quasi dieci anni, il vuoto non si è mai colmato, ho imparato però a conviverci, e oggi, quando penso a lui, a volte riesco anche a sorridere. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello poter sorridere... grazie

      Elimina
  4. Se l'auto-mutuo-aiuto serve, sappi che anche qui da queste parti sono periodi difficili (qui al lavoro stiamo affrontando un lutto dopo l'altro e ogni volta è una mazzata dura che si aggiunge a quella precedente). Non ho, purtroppo, antidoti, se non la condivisione. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nella foto ho il siero! io sto viaggio me lo voglio fare tutto!!

      Elimina
  5. Ti auguro con tutto il cuore che il dolore passi e la vita riprenda più intensa di prima.

    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Io ti sorrido e ti abbraccio. E basta.
    Anzi, vi preparo un dolce. e basta.
    Ah, il divano letto qui alla casetta non l'ha ancora usato nessuno, tanto ormai ti conosce anche il mio lui!
    Un bacione, grande e ti capisco, non sai quanto...
    Io dopo anni non ne riesco neanche a parlare.

    RispondiElimina
  7. Ti abbraccio e mi auguro che il tuo dolore piano piano passi e tu possa tornare a sorridere.

    RispondiElimina